Perchè la dieta Atkins funziona?

La Dieta Atkins nasce nel 1970, dopo la pubblicazione del libro “The New Diet Revolution” del Dr. Atkins.

Una considerazione importante da fare fin da subito è che questo libro è fra i più venduti al mondo nel settore delle diete; infatti è tutt’ora in continua ristampa.

Ciò che fece molto scalpore all’epoca fu che Atkins ipotizzò una dieta basata su un largo uso di grassi a discapito degli zuccheri, senza porre limiti di calorie.

Esattamente l’opposto di una tradizionale dieta ipocalorica, la cosa che fece ancora più scalpore era che funzionava!

 

Come funziona la dieta Atkins?

La dieta Atkins è fondamentalmente una dieta iperlipidica che riduce fortemente i carboidrati e non pone limiti alle calorie ingerite, ovvero alla quantità di cibo che si può mangiare.

Anche se in realtà è di per se molto restrittiva, in quanto esclude talmente tante tipologie di alimenti che alla fine ci si inizia a stufare del mangiare sempre le stesse cose.

Quindi anche se si ha l’impressione di poter mangiare tutto ciò che si vuole e quando si vuole, di fatto non è proprio così.

Il punto di forza delle diete iperlipidiche è che funzionano molto bene e molto in fretta, soprattutto dal punto di vista psicologico.

In quanto per una persona che deve perdere peso, vedere dei risultati nell’immediato è un fattore estremamente positivo e motivante nel continuare a seguirla.

 

Su quale concetto si basa?

Il concetto di base della dieta Atkins è che la cellula del corpo umano per ricavare energia brucia gli zuccheri o i grassi.

Dando la priorità agli zuccheri, i grassi spesso rimangono in disparte, rendendo cosi difficile bruciarli; quindi eliminando gli zuccheri dalla dieta la cellula sarà costretta a usare i grassi accumulati.

Per di più togliendo gli zuccheri si ridurrà anche il livello di insulina, che essendo un ormone anabolizzante si oppone alla perdita di peso. (Anzi potremmo dire che cerca di farci ingrassare)

La dieta Atkins si divide in varie fasi, ma il motore portante è la fase detta “induction” che dura dai 15 ai 30 giorni.

Escludendo totalmente ogni fonte di carboidrati come: frutta, cereali, riso, patate, pane, pasta, pizza, la maggior parte delle verdure, gelati, merendine, bibite si porta il corpo a un rigido cambio metabolico che porta l’attivazione di una serie di meccanismi per cui si iniziano a bruciare i grassi.

Detto in parole povere si entra in chetosi, per poi successivamente, tornare a reintrodurre determinate fonti di carboidrati secondo un preciso programma.

 

Che cos’è la chetosi?

Col termine chetosi, si intende un processo metabolico dove il corpo umano, in carenza di zuccheri inizia a trasformare il grasso in composti detti corpi chetonici.

La funzione dei corpi chetonici è quella di dare energia a determinati organi del corpo che non funzionano con il grasso.

In questo modo il corpo è in grado di sopperire alle proprie richieste energetiche creando questa nuova fonte di energia.

Ricordiamo infatti che si entra in chetosi esclusivamente quando il corpo rimane senza zuccheri per un periodo superiore alle 24-48 ore.

Il lato rilevante da un punto di vista dietetico è che questi corpi chetonici vengono prodotti in quantità massicce, tanto elevate da farci perdere velocemente peso.

In quanto i corpi chetonici in eccesso, non utilizzati dal nostro corpo, verranno espulsi!

Cosa che non avviene col grasso, zucchero, proteine, in questo modo butteremo letteralmente calorie fuori dal nostro corpo.

 

Crea problemi?

Se si ha il diabete, i corpi chetonici porteranno il corpo verso una acidosi, ciò può portare ad un coma diabetico e successivamente alla morte.

Di conseguenza questi regimi di chetosi sono assolutamente da escludere se si ha tale patologia.

Da un punto di vista nutrizionale il problema maggiore di questa dietà è la poca efficacia a lungo periodo.

Nella dieta Atkins esiste un preciso modello di mantenimento del peso a fine dieta, tale modello è praticamente impossibile da seguire, in quanto protrae l’eliminazione di elementi come la pasta e pizza.

Di conseguenza dopo le nostre settimane di faticosissima dieta, torneremo al nostro vecchio regime alimentare.

Cosi in men che non si dica torneremo al nostro peso precedente, in quanto la dieta Atkins non insegna una educazione alimentare sana ed equilibrata da poter continuare nel tempo.

Il problema di queste diete estreme è che si funzionano, ma solo nell’immediato!

Se al momento siamo in sovrappeso vuol dire che stiamo mangiando male, e di conseguenza abbiamo una educazione alimentare sbagliata.

L’approccio corretto è modificare la nostra alimentazione in modo da tornare ad un peso forma e rimanerci per sempre, per questo motivo queste tipologie di diete sono sempre sconsigliate, perchè non portano ad una soluzione definitiva.

 

Rispondi